Covid-19: obbligo di mascherine fondamentale per la riduzione dei contagi

Secondo un'analisi delle Università di Oxford e San Francisco indossare una mascherina riduce di 36 volte la quantità di virus trasmessa

Utilizzare le mascherine in luoghi pubblici dove non si può mantenere il corretto distanziamento sociale. Questo il concetto alla base dei comportamenti giusti da assumere nell’imminente fase 2, promosso da ricercatori, virologi e medici. Anche il Premier Conte ha ricordato lo slogan che deve guidare gli italiani in questa difficile ripartenza “se vuoi bene all’Italia mantieni le distanze”.

Cosa fare, però, se le distanze non si possono mantenere per motivi logistici? Semplice, indossare una mascherina.  Questi dispositivi, che siano acquistati o fai da te, possono salvare vite e ridurre il numero dei contagi.

Secondo un’analisi che compara diversi studi, realizzata dai ricercatori delle Università di Oxford e San Francisco, un soggetto che indossa una mascherina riduce di 36 volte la quantità di virus trasmessa e le “goccioline” contagiose possono essere bloccate almeno in parte. 

Secondo le evidenze scientifiche, ad oggi, uno dei problemi da risolvere è la trasmissione del virus da soggetti asintomatici, che potrebbe essere contenuta se le mascherine fossero indossate da tutti, indistintamente. 

A tradurre, per il nostro paese, la revisione degli 80 studi di cui sopra, la rivista Open Access della Fondazione Gimbe

Va specificato che attualmente non esistono sperimentazioni cliniche che hanno valutato l'efficacia di mascherine da parte della popolazione generale per contenere l'epidemia di Covid-19, tuttavia, come riportato anche su Repubblica.it, diverse sperimentazioni empiriche dimostrano che la mascherina potenzia gli effetti di altre misure di distanziamento sociale ma a condizionare gli effetti positivi è la percentuale della popolazione che la utilizza.

Dopo l’annuncio di Conte in merito all’inizio della fase 2 dal 4 maggio sempre più cittadini denunciano un cambio nei comportamenti sociali di alcune persone, che sembrerebbero sentirsi più sicure e quindi aver abbassato la guardia. 

Ovviamente tali comportamenti sono sbagliati e derivano da un rilassamento mentale che va scongiurato onde evitare ricadute e nuovi lockdown che metterebbero in serio pericolo la tenuta economica del nostro paese. 

Parlando, invece, di obbligo di mascherina, si potrebbe pensare che alcune persone potrebbero prestare meno attenzione nell’evitare comportamenti rischiosi: anche in questo caso, secondo i ricercatori inglesi e statunitensi, "l'effetto preventivo non viene nel complesso compromesso".

Sapevi che il Villaggio della Salute promuove la prevenzione primaria in tutte le sue attività?

 Prenota la VideoVisita Nutrizionale GRATUITA con Esame Antropometrico

Fai la richiesta: ti ricontattiamo noi!