L’ALIMENTAZIONE AI TEMPI DEL COVID-19: LA QUARANTENA E’ PERICOLOSA PER LA NOSTRA SALUTE?

Il cambio di routine, lo stress, l'ansia e la paura si riversano sul cibo.

Restate a casa, da qualche giorno il nostro Paese è alle prese con questo decreto che sta cambiando le abitudini degli italiani. Sui social, con tanto di hashtag, migliaia i post che raccontano lo stile di vita di chi si trova a rispettare questo periodo di quarantena.

Una cosa però appare evidente: molti italiani stanno riversando l’ansia, la tensione o la noia direttamente sul cibo. Il rischio, infatti, è che questo stop forzato possa trasformarsi in una trappola, in una ragnatela dalla quale sarà difficile districarsi, anche quando (ci auguriamo molto presto) questa emergenza Coronavirus sarà un lontano ricordo.

Stress, frustrazione, paura, sono tutte matematiche conseguenze di un cambio repentino di abitudini, di nuove routine fatte di telelavoro, divano, film, frigorifero e letto. A tutto questo si somma l’impossibilità di andare in palestra, all’apatia o alla poca voglia di allenarsi a casa.

Insomma, il post Covid-19 potrebbe complicare notevolmente il quadro legato alla percentuale di italiani in sovrappeso o obesi. I numeri, che già sono da capogiro (più di 25 milioni di persone rientrano in queste due categorie), sembrano destinati ad aumentare.

Anche mangiare ciò che abbiamo sempre mangiato durante la normale routine quotidiana pre quarantena potrebbe non bastare a mantenere uno stato di forma ottimale, poiché in molti sono passati dall’avere un lavoro molto dinamico e movimentato a livello fisico ad una sedentarietà totale.

Gli alimenti sbagliati, a livello mentale, possono dare conforto specie in una situazione di forte stress ed è esattamente ciò che sta accadendo in questa fase.

Cosa fare dunque?

Semplice, bisogna evitare di acquistare cibi poco sani, bisogna scegliere cibo sano per evitare di cadere in tentazione. Ognuno conosce i suoi punti deboli e deve contrastare l’istinto di rifugiarsi nel frigorifero.

Altro consiglio utile è mantenersi attivi: fare le pulizie di casa, dedicarsi alle proprie passioni, ordinare la cantina o la soffitta, curare il giardino o le piante, fare attività fisica anche prendendo spunto da tutorial online o da app dedicate.

Insomma, in un momento difficile come questo bisogna puntare forte sulla prevenzioneprimaria.

 

Il Villaggio della Salute, che promuove la prevenzione primaria in tutte le sue attività, offre consulenze nutrizionali gratuite, durante le quali sarà effettuata anche una biompedenziometria e una prima anamnesi. La nostra nutrizionista Simona Gentile è a disposizione per suggerirvi cosa mangiare, come approcciarsi al cibo e come seguire un corretto stile di vita!

Se vuoi prenotare la tua consulenza gratuita clicca qui!